Webinar 2021

I webinar sono riservati ai soci di Don't Worry Be Dog asd in pari con il versamento annuale della quota associativa, è possibile effettuare il tesseramento (al costo di 7€ in promozione Covid-19) contestualmente all'iscrizione al seminario.

                   Sei già socio?

                   Vuoi associarti

                   e iscriverti?

L'anzianità nel cane e nel gatto
L'anzianità nel cane
e nel gatto

€50

Vecchi cani e gatti: lo stato emotivo, il dono, prepararsi all’addio, il lutto.

Assieme a nuovi acciacchi e al depauperamento delle finestre sensoriali, ad eventuali obnubilamenti cognitivi, la terza età porta con sé anche mutamenti nella sfera emotiva. Durante l'invecchiamento, il mutamento dell'assetto emotivo può produrre effetti che dipendono dallo stato di salute generale, dalle sue personali vicende di vita, dalla storia genetica, dal carattere e dalle possibilità espressive che la sua costituzione emotiva, cognitiva, ambientale, sociale e di salute hanno prodotto in lui o lei. Vedremo come aiutare il cane e il gatto ad affrontare le nuove insicurezze, turbamenti, smarrimenti; come al contrario rilevarne i punti di forza e potenziarne le abilità residue; come accogliere il dono psichico di questa nuova fase della vita; prepararci al momento dell'addio rimanendo fedeli al rapporto di fiducia che ci ha legati a lui o a lei durante la vita; come aiutare gli altri animali della famiglia ad affrontare il lutto; al tempo stesso,come permettere agli altri animali della famiglia di aiutarci a vivere il lutto; come accogliere e valorizzare il dono di colui o colei, che ci ha offerto un nuovo punto di vista sul nostro vivere.

- Il rapporto con la vulnerabilità e la senescenza: preparazione al distacco. Il processo d'invecchiamento, la malattia e la morte: come vivono loro questi stadi e come li vivo io.

- La virtù della comunicazione empatica e del silenzio: imparare a comunicare quando si è giovani per proseguire il dialogo in vecchiaia.

- Si chiudono le finestre in raccoglimento di sé: il rapporto del cane e del gatto anziani con il sé e il proprio mondo sensoriale in decadenza.

- Il sostegno attraverso la percezione tattile e gustativa. 

- L’importanza della relazione affettiva e dell’intimità emotiva con i familiari, umani ed altri animali.

Sei già socio?

Vuoi associarti

e iscriverti?

webinar 2021
Cinzia Barillaro

Appassionata alle vicende della Madre Terra fin dalla nascita, mi sono laureata in Scienze Naturali nel 1992 a Padova, col massimo dei voti e lode, dedicandomi a una tesi sperimentale non-violenta sul comportamento sociale di due specie di farfalle originarie del Costa Rica.

Da allora mi sono dedicata alla anthrozoologia; all’educazione dei bambini e dei ragazzi ispirata alla pedagogia steineriana; alle terapie e all’educazione assistite dagli animali e dalle attività artistiche; alla psicologia degli animali domestici. 

Dal 1993 mi occupo di educazione alle scienze naturali assistita dagli animali con l’aiuto della pittura, dei lavori manuali, della recitazione. Ho lavorato per otto anni presso il Centro Incontri con la Natura D. P. Chiavacci” di Crespano del Grappa (Tv) come insegnante per bambini e ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado che venivano a soggiornare per studio, immersi nell’ambiente naturale e spirituale; come formatrice per docenti e guide con corsi di aggiornamento sul tema della didattica delle scienze naturali applicate, di natura e arte, dipingere la natura, gli animali nella Bibbia. Contemporaneamente ho collaborato col Museo Civico di Storia Naturale di Montebelluna (Tv) come curatore sostituto per un anno, proseguendo poi come docente per le guide del museo e per le scolaresche e come ideatrice/redattrice del giornalino “Scricciolo: un ponte tra il Museo e la Scuola” distribuito nelle scuole locali, per il quale ho ideato i personaggi e realizzato testi e disegni.

Per un periodo di tre anni ho collaborato come scrittrice in rubriche di etologia e narrazione per adolescenti per la rivista mensile: Il messaggero dei Ragazzi – del Messaggero di Sant’Antonio.

Ho scritto per l’intera serie de “Il giornalino degli animali” dello studio Ape di Firenze e per un giornale locale di Rovigo.

Nell’anno scolastico 2003/2004 ho insegnato come maestra di classe presso la scuola steineriana di Firenze. Nel 2006/2007 ho insegnato scienze integrate presso il CFP di Marghera (Ve) con l’ausilio delle attività artistiche e degli animali.

Ho partecipato alle scuole di teatro per un periodo complessivo di 13 anni: “Teatrocontinuo” di Nin Scolari a Padova e a quelle dello “Stabilimento teatrale” a Caerano San Marco (Tv), in collaborazione con “Kiklos Teatro” ispirato alla scuola francese di Jacques Lecoq. Scuole queste ultime, che ho contribuito ad organizzare come membro del direttivo.

Ho frequentato tre corsi intensivi di illustrazione per l’infanzia a Sarmede, organizzati dall’artista Štěpán Zavřel.

Ho frequentato la Scuola di pedagogia antroposofica a Oriago (Ve) e a Bologna, nel corso delle quali ho appreso la tecnica pittorica antroposofica. Ho frequentato per alcuni mesi l’accademia di pittura steineriana della signora Fiorenza De Angelis.

Ho collaborato per decenni con scuole, istituti, comunità alloggio e associazioni a scopo sociale del territorio della Riviera del Brenta (fra Padova e Venezia) con progetti di didattica ambientale e di interventi assistiti dagli animali e dalle attività artistiche; fra cui, in modo continuativo dal 2005 al 2017con la Scuola Materna “Il Club dei Piccoli”, scuola referente per il Veneto della metodologia “La globalità dei linguaggi”.

Sono pittrice e cantafiabe ispirata dalle tecniche e dai contenuti antroposofici.

Educatrice cinofila Dogpartnership e Istruttore cinofilo A.I.E.C.I. Educo e riabilito cani con approccio cognitivo-relazionale dal 2000.

Sono stata membro del direttivo dell’associazione professionale per educatori e istruttori cinofili italiani AIECI e ora sono socio ordinario come istruttore cinofilo.

Tengo stage teorici e pratici sui temi inerenti l’educazione cognitivo-relazionale e l’Anthrozoologia.

Spunti per migliorare la passeggiata al guinzaglio

€15

La passeggiata è un momento importante nella giornata dei nostri cani: non si tratta soltanto di espletare dei bisogni fisiologici, ma anche di esprimere la propria natura in attività, sociali e condivise, di esplorazione, di controllo del territorio, ecc.

 

Il guinzaglio è una forte limitazione, tuttavia in tante situazioni è necessario e obbligatorio utilizzarlo, specialmente quest'anno, in cui portare i nostri cani in libertà nella natura è più difficile del solito.  

 

Questo webinar è pensato per dare delle basi teoriche e degli strumenti pratici a chi conduce il suo cane al guinzaglio, per migliorare la qualità dell'esperienza, rendere il cane più sereno e appagato, e al contempo ridurre i comportamenti problematici come tirare, abbaiare, ecc. 

Sei già socio?

Vuoi associarti

e iscriverti?

Spunti per migliorare la passeggiata
Elena Vanin

Elena Vanin ha iniziato la sua formazione cinofila nel 2008; da allora ha sempre continuato ad aggiornarsi presso docenti italiani e internazionali, approfondendo i temi riguardanti l'etologia di specie, la comunicazione canina e la psicologia dietro al comportamento, anche quando questo è problematico o deviante. 

Ha lavorato sia con famiglie, sia in canile, e da qualche anno si occupa di divulgazione, attraverso seminari teorico/pratici sui diversi aspetti della comunicazione canina, tenuti in tutta Italia.

Il suo scopo è portare la conoscenza della comunicazione e dell'etologia del cane presso il "grande pubblico", per superare quei pregiudizi e quei fraintendimenti che ostacolano la reciproca comprensione e portano spesso alla nascita di problemi relazionali e comportamentali.

Verso nord:
da cane libero a 
paziente psichiatrico
Verso Nord_ da cane libero a paziente ps

€50

Elena Garoni

Sono Medico Veterinario Comportamentalista e Istruttrice Cinofila. Mi occupo di Etologia e Medicina del comportamento del cane, leggo, scrivo, insegno, vado in canile. Ho scritto “Piacere di conoscerti”, edito da Tea. Vivo a Milano con Viola, Francesco, Serbia e Il Signor Gatto.

Forse i cani non sono tutti uguali.

Forse non tutti i cani hanno bisogno di un divano e di un giretto al guinzaglio.

Forse non tutti i cani vogliono essere salvati dalla loro vita randagia.

A volte, a dispetto del nostro affetto, delle nostre cure e delle nostre conoscenze non riusciamo a renderli felici.

“Da cane libero a paziente psichiatrico” è una prima, iniziale discussione sulle difficoltà di adattamento dei cani che provengono da ambienti di vita molto differenti, sul nostro ruolo e sulle loro straordinarie potenzialità.

Sei già socio?

Vuoi associarti

e iscriverti?

Dont Worry Be Dog asd. Proudly created with Wix.com

Resta aggiornato sulle nostre novità

  • Facebook App icona
  • Instagram Icona sociale